GIUSTIZIA E NUOVE TECNOLOGIE

FRANCESCO BRUGALETTA (DIRETTORE DI DIRITTO E DIRITTI) RISPONDE AD
ANDREA SIROTTI GAUDENZI SUL TEMA DEI RAPPORTI FRA INTERNET E DIRITTO

Il sintetico ed efficace colloquio "via e mail"

 


A. Sirotti Gaudenzi: Caro Dottore,  A proposito delle Sue idee, anch'io sono convinto del fatto che "se ci si crede, ci si pu˛' riuscire". Purtroppo, il problema maggiore rimane quello di superare i vecchi schemi e i pregiudizi di chi pensa ancora che Internet sia solo un banale giochetto.

Francesco Brugaletta: Ha perfettamente ragione.

A.S.G.: Le devo confessare che anch'io, prima di accostarmi al mondo dell'informatica, pensavo che la rete delle reti fosse solo uno strumento di divertimento dedicato a chi "avesse del tempo da perdere" ...
Meno di due anni fa ho acquistato il primo computer e, dopo qualche tempo, ho iniziato a navigare su Internet: oggi ritengo il web uno strumento indispensabile per il mio lavoro, per l'approfondimento culturale e per l'aggiornamento professionale (che, tra l'altro, Ŕ uno dei pi¨ importanti doveri di chi si dedica alla professione forense).
Il fatto di poter trovare su uno strumento accessibile a tutti come Internet le leggi, la giurisprudenza, gli atti amministrativi Ŕ un passo obbligato per una societÓ che si voglia professare realmente democratica.


F.B.: Anche su questo le do ragione.
Forse si dovrebbe provare a fare circolare queste idee (che ormai nel web mi sembrano acquisite) anche con gli strumenti di informazione tradizionale (carta etc.) che invece mi paiono in ritardo su questo versante.


A.S.G.: Sono dell'idea che l'impiego del web in alcuni settori del processo sarÓ la necessaria conseguenza dell'affermazione di questa nuova sensibilitÓ.

F.B.: Infatti, prima o poi, la cosa dovrÓ essere realizzata.

 

Cliccando qui Ŕ possibile leggere l'intervista di Jusy Accetta al dott. F. Brugaletta

 

Torna alla Home Page